Uova

Panoramica

Oggi voglio parlarti delle uova! Un alimento antico, economico, semplice e di facile reperibilità, in grado di permetterti di realizzare un numero notevole di preparazioni, dagli antipasti alle torte, dai primi piatti ai gelati.

Ma quanto le conosciamo in realtà? In questo articolo cercherò di fare un po’ di chiarezza, aiutandoti a capire cosa è, come può essere impiegato in cucina e persino come divertirti facendo piccoli esperimenti!

Buona lettura!

uova

L’uovo: generalità

L’uovo, inteso come alimento, può derivare da diversi volatili: anatra, quagli, oca, struzzo e, ovviamente, gallina. Comunemente si consumano anche altri tipi di uova che derivano da pesci (caviale e bottarga ad es.), tartarughe, insetti, ecc.

Ai fini di questo articolo ti parlerò solo delle uova di gallina.

L’uovo è costituito fondamentalmente da tre parti:

Solitamente un uovo di taglia media pesa circa 60 gr di cui 35 gr di albume, 20 gr di tuorlo e 5 gr di guscio. Conoscere il peso degli elementi costitutivi è importante visto che molte ricette fanno riferimento al peso in grammi di tuorlo e di albume e non alle uova nella sua interezza.

Lettura del codice delle uova

Hai mai notato che sulle uova acquistate al supermercato, oltre alla data di scadenza, è riportato un codice alfanumerico? Quel codice fornisce diverse informazioni utilissime. Vediamo insieme come leggerlo:

uova

*Il tipo di allevamento delle galline può essere uno dei seguenti:

CODICETIPO DI ALLEVAMENTOSPAZIOMANGIME UTILIZZATO
0BIOLOGICOAmpia zona di pascoloEsclusivamente biologico
1ALL’APERTO4 m2 per 1 gallinaNon ci sono vincoli
2A TERRA1 m2 per 7 gallineNon ci sono vincoli
3IN GABBIA1 m2 per 14 gallineNon ci sono vincoli

È chiaro che il tipo di allevamento in gabbia, identificato dal numero 3, è un tipo di allevamento veramente intensivo aggravato dal fatto che le galline in questo caso non godono di luce naturale, bensì di quella artificiale per stimolare la deposizione delle uova.

Conservazione: differenza tra Europa e America

Le uova che acquisti al supermercato, come ben sai, si trovano generalmente sugli scaffali dove non lontano si trovano prodotti a lunga conservazione.

Io personalmente, una volta portate a casa, ho poi l’abitudine di metterle e conservarle in frigo.

In tutta Europa le uova nei supermercati le troverai sugli scaffali a temperatura ambiente. Non invece così avviene in America: infatti in questo paese è obbligatorio per legge conservare le uova nel banco frigo. Il motivo? Risiede nell’infezione alimentare della salmonellosi e nel fatto che negli USA essendo molto comune l’allevamento intensivo è più probabile che un uovo sano possa infettarsi (entrando facilmente in contatto con le feci di una gallina infetta, a causa degli esigui spazi).

Per questo motivo e per scongiurare che la salmonella penetri nell’uovo sano, le uova in America sono dapprima sottoposte a una “doccia disinfettante” e poi refrigerate.

Come cucinarle

Esistono tantissime modi per cucinare le uova. Ecco solo alcuni suggerimenti:

Uova fritte nel tegame

Una vera goduria, con sale e pepe e magari qualche scaglia di tartufo…

Uova bollite

In base al tempo di cottura (calcolato da quando bolle l’acqua) otterrai 3 diversi risultati:

Uova ripiene

A partire dalle uova sode puoi (eventualmente) privarle del tuorlo e farcirle come più ti pare (es. tonno e acciughe per le uova alla diavola). Ti consiglio sempre di compiere questa operazione aiutandoti con una sac à poche in modo da ottenere un risultato più preciso e bello esteticamente.

Uova in camicia

Sgusciate e gettate nell’acqua bollente, sorprendono per il ripieno morbido e cremoso. Se accompagnate con la salsa olandese avrai ottenuto le famose uova alla Benedict.

Uova strapazzate

Tipiche del nordeuropea, meglio se accompagnate con del bacon croccante 😜. Io le strapazzo aiutandomi con una semplice spatola e il risultato è fantastico!

Tuorlo d’uovo marinato

Ricetta famosa dello Chef Cracco che prevede la marinatura del tuorlo sotto sale e zucchero (in parti uguali). Dopo circa 10 giorni il tuorlo sarà solido e potrà essere tagliato a fettine o grattugiato per guarnire e decorare i tuoi piatti.

Uova in purgatorio

Fatte cuocere semplicemente nel sugo avanzato! Aggiungi del formaggio a fine cottura, accompagna con fette di pane casereccio e la tua cena diverrà spaziale!

Frittata e omelette

Sbattute con sale e pepe, eventualmente del formaggio e poi dritte in padella: cuoci bene e gira per ottenere una super frittata dorata!

Se invece vuoi gustarti una omelette allora aggiungi della panna fresca alle uova sbattute e cuoci fino ad ottenere una consistenza morbida.

L’elenco è solo di esempio e non trascurare il fatto che l’impiego delle uova semplicemente sbattute è davvero infinito: pan di Spagna, frittata di maccheroni, quiche, torte salate, polpette, crocchè sono alcuni nomi delle preparazioni che potrai ottenere.

Anche tu sei amante della Carbonara? Prova la mia ricetta e dimmi cosa ne pensi!

Consiglio green 🌱

Se hai in casa delle piante non gettare via i gusci delle uova che hai mangiato: rompi i gusci e mescolati al terreno dove ci sono le tue piante. La lenta degradazione rilascerà nel suolo l’alto contenuto di calcio, utile per fertilizzare in modo ecologico e senza nessuno costo!

Esperimento

Sai che puoi utilizzare le uova anche per un simpatico esperimento?

In questo articolo ho trovato la descrizione dettagliata di questo piccolo esperimento: immergi l’uovo (meglio se scaduto) in un bicchiere pieno di aceto bianco e lascia riposare per 24 ore: l’aceto scioglierà il calcare (il guscio dell’uovo è infatti calcareo) rendendo il resto sorprendentemente gelatinoso e gommoso!

Scommetto che i tuoi bambini (o il tuo bimbo interiore 😁) si divertirà un sacco ad eseguire questo piccolo esperimento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *