Migliaccio

Oggi voglio parlarti di un dolce insolito, molto particolare e interessante nel gusto: il migliaccio è un dolce antico, a base di semolino, anche se con questo nome ci si riferisce a più di una preparazione.

Ricordo quando, anni fa, non trovavo alcuna informazione su questo dolce sul web. Il migliaccio, infatti, tipico dolce campano del periodo di Carnevale, sembra essere sconosciuto altrove. O almeno così è stato fino a poco tempo fa. Anche il dizionario non ci viene in aiuto, attribuendo al migliaccio il sinonimo di sanguinaccio o castagnaccio.

Io lo conosco si da bambino quando insieme a mia nonna si era soliti prepararlo: enormi dosi per tanti migliacci, da distribuire ai familiari e mangiarlo nel giorno più colorato e festoso dell’anno.

Ad ogni modo, questo dolce antico a base di semolino, è per me il simbolo del Carnevale e sono certo che con la sua semplicità sorprenderà anche te. Ti lascio il link alla pagina di NapoliToday per conoscerne meglio storia e curiosità.

Come tutti i dolci meno blasonati esistono tantissime versioni, tante quante sono le famiglie che questo dolce lo realizzano. Alcuni lo preparano con la ricotta, altri semplicemente aggiungendo frutta candita all’impasto. Per altri ancora si tratta di una preparazione fritta, che può essere dolce o salata. Io ti propongo la mia versione e mi auguro che piaccia anche a te.

migliaccio

PREPARAZIONE: 30 min. COTTURA: 40 min. DIFFICOLTÀ: bassa COSTO: economico


Ingredienti per 6 porzioni

Procedimento

Per preparare il migliaccio inizia a dosare tutti gli ingredienti: il latte, il semolino, lo zucchero, il burro e il limoncello. Sguscia e le uova e tieni a portata di mano i canditi.

In una pentola bassa dai bordi alti versa il latte, aggiungi il burro e fai sciogliere ponendo il fuoco a fiamma media, occorreranno circa 10 minuti.

migliaccio

Quando il composto comincerà a sobbollire aggiungi il semolino e gira in modo da prevenire la formazione dei grumi.

Togli dal fuoco e aggiungi anche lo zucchero semolato e gira per incorporare. Lascia intiepidire.

migliaccio

Quando il composto sarà intiepidito versa le uova, una alla volta, non aggiungendo la successiva se non sarà prima stata assorbita quella precedente. Aggiungi anche i canditi e il bicchierino di strega*.

migliaccio

Imburra e infarina una tortiera** del diametro di 22 cm, versa al suo interno il composto di semolino e inforna in forno statico preriscaldato a 180 gradi per circa 40 minuti***. Lascia raffreddare e taglia il tuo migliaccio. Non ti resta che provarlo e di gustarlo nel giorno più felice dell’anno.

migliaccio

Note

*se vuoi, puoi aggiungere anche altri aromi come la cannella, il millefiori o persino ingredienti la ricotta.

**ti consiglio di usare uno stampo in alluminio svasato (tipico di questo dolce) piuttosto che una tortiera a cerchio apribile.

***se dovessi notare che in cottura il dolce inizi a colorarsi eccessivamente in superficie, allora ti consiglio di mettere sopra un foglio di alluminio e di continuare la cottura come da istruzioni.

Conservazione

Puoi conservare il migliaccio a temperatura ambiente fino a 2-3 giorni, sformato e coperto con pellicola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *